COMUNICATO STAMPA STAGIONE 2018/2019

Teatro Asioli di Correggio: la nuova stagione teatrale 2018-2019

Un ventaglio di proposte che spaziano da grandi allestimenti a performance per piccoli spazi, dai classici alla drammaturgia contemporanea e dai grandi testi al teatro più intimo e autobiografico: questa sarà la stagione di prosa, teatro fisico e circo 2018-2019 del Teatro Asioli di Correggio, promossa da Comune di Correggio e Ater, di cui anticipiamo qui titoli e date, rimandando al prossimo mese di settembre le novità sugli spettacoli musicali e di danza e quelli domenicali per famiglie.
Nel suo complesso, la ricchezza e l’attenzione alla qualità artistica degli spettacoli proposti si configura come una possibile “poetica dell’umano”, una volontà positiva di pietas e comprensione spesso travolta dalle contingenze del mondo e della cronaca.

“La nuova stagione di prosa del Teatro Asioli si conferma all’insegna della qualità portata sul nostro palco da testi importanti, interpretati e diretti da grandi attori e registi”, commenta il sindaco di Correggio, Ilenia Malavasi. “Ancora una volta approdano a Correggio alcune tra le migliori produzioni italiane e – guardando al programma di circo contemporaneo, una realtà ormai consolidata nella nostra città – anche internazionale. Anche lo scorso anno il Teatro ha fatto registrare un ottimo gradimento da parte di un pubblico che l’Asioli ha saputo conquistarsi e fidelizzare. La nuova stagione, che oltre alla prosa, vedrà anche spettacoli di danza, operetta, teatro musicale e un cartellone per bambini e famiglie, si inserisce nel solco di questa tradizione, che rappresenta sicuramente un’eccellenza non solo per il nostro territorio, ma anche per l’ambito provinciale”.

La stagione si aprirà il 27 e 28 novembre con il nuovo spettacolo di Alessandro Gassmann, Fronte del porto, che traspone il romanzo di Budd Schulberg – poi autore della sceneggiatura del celeberrimo omonimo film con Marlon Brando – nella Napoli camorrista e poliziottesca di 40 anni fa. Gassmann continua la collaborazione con la squadra di attori che, Daniele Russo in testa, ha contribuito al clamoroso successo di Qualcuno volò sul nido del cuculo, impegnandosi a raccontare un’altra storia di libertà faticosamente conquistata con il suo energico piglio registico spettacolarmente pop.
Il 25 e 26 febbraio sarà all’Asioli Ragazzi di vita di Pier Paolo Pasolini, adattato da Emanuele Trevi e diretto da Massimo Popolizio, con Lino Guanciale e altri diciotto attori; questa produzione del Teatro di Roma è uno dei più importanti spettacoli degli ultimi anni e si è aggiudicato sia il “Premio Ubu” per la migliore regia che il premio “Maschere del Teatro” come miglior spettacolo e migliore regia.
Così è (se vi pare) di Luigi Pirandello15 e 16 gennaio 2019 – potente metafora sull’incertezza delle relazioni, è la nuova produzione dello Stabile di Torino diretta e interpretata dal pluripremiato Filippo Dini, affiancato sul palco dalla grande Maria Paiato e da altri nove attori.
Il Teatro Stabile dell’Umbria porta in scena uno dei capolavori della letteratura del Novecento: Il Maestro e Margherita, di Michail Bulgakov5 e 6 febbraio 2019 – affidandone l’interpretazione a Michele Riondino, Francesco Bonomo e Federica Rosellini, diretti da Andrea Baracco, con adattamento di Letizia Russo.
Alessio Boni metterà in scena la lucida follia di (dei) Don Chisciotte 25 e 26 gennaio 2019 – in uno spettacolo per sette attori di cui è co-autore e co-regista assieme, fra gli altri, a Francesco Niccolini.
Poi due nuovi testi, appositamente scritti per due grandi attori: Silvio Orlando nell’elegiaco Si nota all’imbrunire, 15 e 16 aprile 2019, scritto e diretto dall’acclamata Lucia Calamaro, e l’eccezionale Elio Germano nel sorprendente e inquietante La mia battaglia – all’Asioli l’8 e il 9 marzo 2019, scritto con Chiara Lagani e diretto dallo stesso Germano.
Torna la poesia disincantata, selvaggia, sincera di Pippo Delbono con la sua ultima creazione, La gioia, il 3 dicembre, un canto per la vita contro la morte.
I due poetici e un po’ folli clochard Totò e Vicè29 e 30 marzo 2019 – nello straordinario e acclamato spettacolo diretto e interpretato da Enzo Vetrano e Stefano Randisi, sono il miglior modo di ricordare Franco Scaldati (1943-2013), celebrato e appartato autore a cui lo scorso anno è stata dedicata un’importante retrospettiva.
Ascanio Celestini continua con Pueblo, 5 aprile 2019, la sua esplorazione delle periferie urbane e dei personaggi che le abitano; tante storie che poi diventano una sola “storia di vita”, quella di un’umanità sommersa e umile, che attraverso il racconto teatrale acquisisce verità e, finalmente, la dignità dell’esistenza.
Poi il dittico Schnitzler della compagnia Lombardi-Tiezzi, in cui l’inestricabile connubio di amore e morte, di cui Freud parla negli stessi anni e nella stessa Vienna, viene, mai come prima, rappresentato con gli strumenti dell’arte: La signorina Else, in scena il 14 e 15 dicembre, con Lucrezia Guidone, e Il ritorno di Casanova15 e 16 marzo 2019, con Sandro Lombardi, entrambi diretti da Federico Tiezzi, tradotti nuovamente e adattati insieme a Fabrizio Sinisi.
Verrà presentato (in parte) il lavoro della compagnia Cuocolo-Bosetti/IRAA Theatre (Renato Cuocolo e Roberta Bosetti), compagnia con una storia non comune, un “classico” del teatro d’innovazione, che dopo essere stata nominata “compagnia di bandiera” australiana (dal 1988 al 2012 hanno una sede a Melbourne) e aver girato e fatto man bassa di premi in tutto il mondo (dall’Unesco Award negli USA al premio Hystrio in Italia), presenta a Correggio due suoi recenti lavori: Roberta fa una passeggiata – The walk (spettacolo itinerante) e Roberta va sulla luna (dal 3 al 6 maggio 2019), spettacoli intimi, narrativi e poetici in cui l’autobiografia diventa l’occasione per ripercorrere i fili della memoria e del tempo perduto, che, magicamente, diventano anche quelli di tutti gli spettatori.
Non manca lo spettacolo natalizio: per tutti (grandi e piccini) Claudio Milani farà La conta di Natale (1 dicembre), spettacolo di narrazione e animazione che, come in un calendario dell’Avvento, ci porta di storia in storia fino al Natale.

Il circo contemporaneo sarà di nuovo presente con le vulcaniche acrobazie del Black Blues Brothers Show (16 e 17 febbraio 2019), realizzate da cinque fantastici acrobati di scuola americana, ma con l’Africa nel sangue (già applauditi addirittura da Papa Francesco) e di Circo Zoè (compagnia già ospitata con Naufragata) che sotto il suo nuovo fiammante chapiteau presenterà il nuovo spettacolo Born to be Circus e altri titoli all’insegna del migliore circo di poesia (dal 24 marzo al 6 aprile 2019).
Ultimo ma non ultimo, uno spettacolo che è già un classico del teatro performativo contemporaneo: all’incrocio fra teatro fisico, danza e performance, CollettivO CineticO presenterà 10 Miniballetti (11 dicembre), spettacolo applaudito in decine e decine di festival e teatri europei .

Assieme ai titoli ancora da definire, saranno successivamente precisate e comunicate nuove e vantaggiose formule d’abbonamento.
La campagna abbonamenti inizierà il 6 ottobre.
Info ulteriori e aggiornamenti sui singoli spettacoli: www.teatroasioli.it e pagina Facebook del Teatro Asioli; info@teatroasioli.it – tel. 0522.637813.

Ufficio stampa
Comune di Correggio

teatro asioli stagione 2018-2019 comunicato