CARMEN / BOLERO

_GT69714 copy

VENERDI’ 30 GENNAIO 2015 (anteprima)

SABATO 31 GENNAIO 2015 (prima nazionale)

CARMEN / BOLERO
Prima Nazionale
coreografie Emanuele Soavi, Michele Merola
musiche Georges Bizet, Los Panchos / Maurice Ravel
danzatori Stefania Figliossi, Paolo Lauri, Fabiana Lonardo, Enrico Morelli, Giovanni Napoli, Nicola Stasi, Lorenza Vicidomini
costumi Alessio Rosati con la collaborazione di Nuvia Valestri
produzione MM Contemporany Dance Company

ingresso euro 20, 17, 12

La nuova produzione di MMCompany, in prima assoluta al Teatro Asioli di Correggio, porta in scena due grandi titoli del repertorio musicale nell’interpretazione di due coreografi italiani: Emanuele Soavi, da anni attivo in Germania presso prestigiose compagnie, e Michele Merola, direttore artistico della compagnia.

Carmen Sweetahhh è una creazione esclusiva di Emanuele Soavi per la MMCompany, pensata tenendo conto dell’originale intenzione del compositore di creare un’opera-comique (così Georges Bizet definiva la sua Carmen). Traendo spunto e rivisitando le tracce del leggendario canovaccio, l’azione, volutamente permeata di ironia e sarcasmo, ha inizio nell’arena in cui Carmen, Micaela, Frasquita, Mercédès, Don José, Zuniga, Escamillo danno libero sfogo alle loro emozioni. Dando spazio al forte virtuosismo tecnico e teatrale degli interpreti in scena, Soavi ci immerge drammaturgicamente in quella trama fatta di sottili relazioni, di equilibri e di ricami, fra tensione e sospensione, dove movimenti e gesti vanno letti oltre l’apparente eleganza che sta sopra le righe. Il tutto accompagnato dalle celeberrime note di Bizet, a volte interrotte dalle canzoni del gruppo canoro Los Panchos, nei cui testi antagonismo, gelosia e desiderio sono i soggetti onnipresenti.

Meccanismo ad orologeria dalla rigorosa precisione, Bolero è ancora oggi tra i brani più noti e ascoltati della storia della musica; una delle ragioni della fortuna del pezzo sembra essere fortemente legata all’evocazione di immagini di sensualità che questo suscita, anche quando tali suggestioni sono contrassegnate da una sostanziale ambiguità. Nel realizzare una nuova versione coreografica del Bolero, Merola si è focalizzato sul ventaglio inesauribile dei rapporti umani, in particolare quelli di coppia, dentro ai quali, ogni volta, registriamo le reciproche e inconciliabili distanze tra uomini e donne, quel “muro trasparente” che li divide. Così, nelle diverse sfumature assunte dalla danza, la coreografia declina la varietà di umori che “circolano” intorno e dentro al rapporto di coppia, fra crescendo e diminuendo, come la musica del Bolero.

www.michelemerola.it